barcellona & tech

Partiamo da Barcellona.

Com’e’ lavorare a Barcellona ?

lavorare in un azienda che fa cloud e’ figo, insomma hai abbastanza tempo libero e puoi avere il tempo di fare le tue cose.
La metodologia usata e per lo piu’ quella SCRUM dove un po’ scazzi al inizio perche’ ti da’ parecchia liberta’ ma dall’altra parte ti richiede anche di poterti organizzare.

Ci sono poi i fattori umani, la dinamicita’ del risolvere problemi, la reperibilita’ e la voglia di essere aggiornato
a quello che ti succede intorno, tipo Redhat che si compra Ansible oppure Docker che compra Tuturum
e in base a quello che vedi farti un idea di come sara’ il mercato domani.

devops-100314993-primary.idge

..pero’, nello stesso tempo sviluppare un sentimento malvagio.
Intendere che c’e’ qualcosa di sbagliato, di schiacciato, di sporco in questa societa’, in questo modo di fare le cose
Sentirsi costantemente fuori luogo e non capire e non voler conoscere gli altri.
Sopratutto qui, dove tutta sta gente non fa altro che incrementare la tua voglia di stare da solo.

Non e’ vero che se la citta’ e’ meravigliosa allora cambia in automatico il tuo stile di vita.

Per migliorarlo e’ necessario sgobbare, e non parlo di lavoro, ma di connessioni sociali di relazioni, di libri di informazione.
E io provo a cercare e a fare tutto questo.
ci provo, ma mi sento ancora lontano dal trovare un equilibrio.

Per adesso il cuore resta ancora in italia, intrappolato non so ancora bene dove. E intanto vivo qui facendo il devops a bcn.

–smb

This entry was posted in General and tagged , , , . Bookmark the permalink.